Hè inusual chì u Ministeru di l'Affari Esteri di un paese chì dice esse a più grande demucrazia di u pianeta critichi in una dichjarazione un tweet scrittu da un famosu cantante internaziunale. L'artista americana Rihanna, chì hà più di 100 milioni di seguitori in Twitter, equivalenti à quasi 10% di a pupulazione sana di l'India, hà spartutu un articulu di CNN nantu à e prutestazioni di l'agricultori fora di New Delhi. "Perchè ùn parlemu micca di questu?" Rihanna hà cummentatu. Ore dopu, altre voci populari, cum'è quella di l'adulescente attivista Greta Thunberg o l'avucata Meena Harris, nipote di u vicepresidentu di i Stati Uniti, Kamala Harris, seguitanu u filu di a cantante chì mostranu u so sustegnu à e rivolte chì anu scuzzulate u paese. principali stati di u paese asiaticu da nuvembre.

A tentazione di l'hashtags di e social media è di i cumenti tabloid, soprattuttu quandu ricorrenu da celebrità è altri, ùn hè nè precisa nè rispunsevuli. Prima di affruntà à cummentà tali questioni, urgemu à sapè i fatti ", hà rispostu u Ministeru di l'Affari Esteri di l'India. Dopu à sta dichjarazione, in i carrughji di New Delhi, ci hè stata una contra-manifestazione per prutestà i cumenti di sti celebrità. Ancu anu brusgiatu parechji ritratti di Greta Thunberg. Se qualchissia hè interessatu à a situazione attuale di a seconda nazione più populata di u mondu, scoprerà chì hè in mezu à una campagna di vaccinazione massiva contr'à un coronavirus chì hà digià lasciatu quasi 11 milioni di infezioni è 156,000 morti. A campagna va bè : in 13 ghjorni anu vaccinatu trè milioni di citadini. Nisun altru paese, in quellu tempu, hà vaccinatu tante persone.

Ma a nutizia in India, ancu più cà i vaccini, hè u Bharat Bandh. In u cuntestu attuale, sò tradutti cum'è greve generale guidate da quelli chì travaglianu a terra, chì anu muntatu una rivoluzione per via di una seria di leggi agriculi ch'elli cunsidereghjanu un lurch per a so sopravvivenza. In u risultatu, l'India hà vistu ogni ghjornu scene di cuntenituri bruciati è muntagne di pneumatici per più di trè mesi, autostrade tagliate da barricate di trattori, treni bluccati da torri di mattoni nantu à i binari, è campi improvvisati fora di New Delhi, induve si sò stallati. millaie di agricultori in tuttu u paese. Quì, anu ancu custruitu paesi da zero, facendu capanne di custruzzione cù cucine, buttreghi, è ancu biblioteche.

Tutti sò chjaru nantu à u so scopu, per annullà trè liggi agriculi appruvati in settembre da u Guvernu di u Primu Ministru Narendra Modi. Sutta i novi riformi, a vendita di i culturi campagnoli in i mercati grossisti regulati da l'autorità finiscinu. Avà, i grandi cummercianti puderanu cumprà prudutti direttamente da l'agricultori, stabilendu i prezzi per elli è micca u Statu. Per i pulitici chì guvernanu Delhi, e novi regule permettenu à i agricultori di vende i so prudutti à qualcunu per qualsiasi prezzu, dendu più libertà di vende direttamente à i cumpratori è o à altri stati. L'agricultori sustenenu chì queste liggi facenu più faciule per e corporazioni per sfruttà i travagliadori è aiutanu e grande cumpagnie à calà i prezzi.

Diversi punti di vista, ma u favore populari hè statu vintu da u settore agriculu, chì impiega più di a mità di una populazione di 1.3 miliardi di persone è chì l'attività sustene u 18% di u PIB tutale di u paese. Per quessa, sti prutestazioni sò un prublema fundamentale per u guvernu Modi, soprattuttu chì quelli chì si manifestanu rapprisentanu 58% di l'eletti. Dopu à più di 30 scontri trà u Guvernu è i rapprisentanti di i sindicati di l'agricultori, ùn anu ghjuntu à nisun accordu. Duverebbe esse a Corte Suprema di l'India chì trè settimane fà hà emessu un ordine per sospettà e trè leggi agriculi cuntruversi mentre era furmatu un cumitatu di mediazione per chì e duie parti puderanu ghjunghje à un accordu. Ancu l'agricultori anu ricusatu di avè mediatori numinati da un tribunale chì ùn anu micca cunsideratu neutrali.

Intantu, e prutestazioni cuntinueghjanu ogni ghjornu. Dui settimane fà, u guvernu indianu hà fattu un altru passu bluccà l'accessu à Internet in i distretti fora di New Delhi induve l'agricultori sò basati. "I pulitichi ùn volenu micca chì e nostre prutestazioni pacifiche si vedanu. In i so canali, publicanu solu l'imaghjini di u focu è a distruzzione. U Guvernu hà bluccatu Internet. A demucrazia ùn face micca queste cose. Avà vanu per i media chì informanu liberamente. Sò misure assai antidemucratiche, "Darshan Pal, capu di Samyukta Kisan Morcha, unu di i più grandi sindicati agriculi in India, hà dettu à stu ghjurnale per una dichjarazione. Sicondu i rapporti di i media lucali, a polizia in i stati di Haryana è Uttar Pradesh anu arrestatu alcuni ghjurnalisti chì coprenu e prutestazioni, è l'autorità cuntinueghjanu à bluccà Internet per parechje ore à ghjornu.

Ùn ci puderanu micca fà silenziu. I diversi gruppi è unioni, chì sò nurmalmente affruntati da cumpetenze è territorii, sò avà riuniti per fà di sta lotta cullettiva ", dice Darshan. Sicondu u so sindicatu, almenu 147 agricultori sò morti durante e prutestazioni da una varietà di cause, cumpresi suicidiu, accidenti di trafficu, è scontri cù a polizia durante e manifestazioni. L'autorità ùn anu micca datu un numeru ufficiale di morti.