U novu ghjornu di sangue in Birmania pò esse misurata in dui imagine: u primu, hè accadutu in i carrughji di u distrittu di Oakkala, in a cità di Rangoon. Un gruppu di suldati hà accurtatu un manifestante è li sparà in capu. Allora unu di i suldati pisò un paru di volte u corpu senza vita di l'omu. A seconda maghjina presenta una ragazza di 19 anni chjamata Kyel Sin chì avia pigliatu in e strade di Mandalay, a quarta cità più grande di u paese, per prutestà contr'à u colpu di l'armata birmana. A ghjovana hà purtatu una maglietta nera cù un missaghju: "Tuttu serà bè". Hè mortu stu marcuri dopu meziornu quandu hè statu sparatu in capu. Kyle hà tenutu un fogliu in a so sacchetta nantu à quale avia scrittu u so tipu di sangue è hà dumandatu chì i so organi sò donati s'ellu hè mortu.

Almenu 38 persone sò stati uccisi è più di 100 feriti in diverse cità in Birmania. I suldati è i pulizzeri anu ricaricatu munizioni in diretta contr'à i manifestanti in un novu ghjornu di prutestazioni dopu chì l'armata hà pigliatu u putere u 1 di ferraghju. Accantu à l'imaghjini di u corpu sanguinante di Kyel Sin in terra era un altru cadavere, quellu di Myo Naing Lin (37 anni). ), chì hè statu sparatu in u pettu. Sò e duie vittime di Mandalay. Quasi 100 chilometri di distanza, in un'altra cità, Monywa, sette persone sò stati ammazzati è, sicondu i dati riportati da u ghjurnale Myanmar Now, circa 70 sò stati feriti dopu chì e forze di sicurezza anu attaccatu cù balle, granate è gas lacrimogeni.

In Myingyan, in u centru di a Birmania, più di 100 suldati anu sparatu è disperse i manifestanti. Zin Ko Ko Thaw, 22 anni, hè mortu da una ferita da un colpu à a testa. In Rangoon, u centru ecunomicu di stu paese di u Sudeste Asiaticu, un totale di sette sò morti. Frà elli l'omu eseguitu.

I PIÙ GRANDI PROTESTE DA 2007

Dapoi u 2007, tali grandi prutestazioni ùn sò micca vistu in Birmania. Allora millaie di citadini, guidati da i monaci buddisti, anu dumandatu i prezzi più bassi per riduce i tassi di miseria crescente. A chjamanu a Rivuluzione di u Ziferanu per via di u culore di i vestiti di i monaci. I generali di a Giunta Militare chì guvernava u paese anu mandatu l'esercitu per sparà e prutestazioni. Centinaie di civili sò morti. Avà, 14 anni dopu i militari A Junta hè tornata à u putere dopu un colpu. A guida di u novu guvernu hè u generale Min Aung Hlaing, chì hà applauditu a repressione di i manifestanti in a Rivuluzione di u Ziferanu è hà avà urdinatu à i so suldati di sparà i manifestanti chì chjamanu à ristabilisce una demucrazia ch'elli anu à pocu pressu una dicada.

Dumenica scorsa, in u ghjornu di sangue precedente, 18 manifestanti sò morti. Sò dighjà passati più di trenta da l'iniziu di e prutestazioni, è resta à sapè un numeru esatta di i morti, perchè u cuntu cresce à l'ora di l'ora è più ferite da fucile ùn si ponu ricuperà. Inoltre, secondu l'Associazione per l'Assistenza di i Prigiuneri Politichi, più di mille persone sò state arrestate da u principiu di e prutestazioni. Trà quelli arrestati hè Aung San Suu Kyi, u capimachja di Birmania, chì ferma in arrestu casale cù u restu di i capi di u so partitu, a Liga Naziunale per a Democrazia (NLD), cumpresu u presidente Win Myint.

Suu Kyi, chì hè apparsu per videoconferenza davanti à a ghjustizia birmana u luni, face una carica di violazione di a Legge di l'Esportazione è di l'Importazione dopu chì a polizia, in a ricerca di a so casa dopu à u colpu militare di u 1 di ferraghju, hà trovu apparecchi di cumunicazione walkie-talkies chì suppostu era statu impurtatu illegale è sò stati utilizati da a squadra di sicurità di u capu. Sutta a lege birmana, sti carichi puderanu purtà una pena di prigiò finu à trè anni. A nova giunta militare hà ancu presentatu una seconda accusa contr'à a so settimana passata per presuntamente violazione di e regule pandemiche durante l'elezzioni di l'annu passatu.